martedì 29 marzo 2016

Incontri Ravvicinati

"Superman non diventa Superman: Superman è nato Superman. Quando si sveglia al mattino, è Superman: il suo alter-ego è Clark Kent. Quella tuta con la grande S rossa è la coperta che lo avvolgeva da bambino quando i Kent lo trovarono, sono quelli i suoi vestiti. Quelli che utilizza come Kent, gli occhiali, l'abito da lavoro, quello è il suo costume, è il costume che Superman indossa per mimetizzarsi tra noi. Clark Kent è il modo in cui Superman ci vede. E quali sono le caratteristiche di Clark Kent? È debole, non crede in se stesso, ed è un vigliacco. Clark Kent rappresenta la critica di Superman alla razza umana."
(da Kill Bill - Volume 2, di Quentin Tarantino)

domenica 27 marzo 2016

Arcano XVII, Le Stelle

“Tra Le Stelle in particolare possiamo pensare alla Stella Cometa seguita dai Magi; è quindi il simbolo della speranza di un nuovo mondo, ma anche dell’Universo sconfinato che essa attraversa; rappresenta quindi sogni e visioni.”
Nel mio libro, il racconto associato a questa carta è Gocce d’Argento dalle Stelle, dove una malefica creatura della notte è in procinto di mietere una nuova vittima sotto la misteriosa luce delle stelle...

martedì 22 marzo 2016

Ipertimesia

Ho sentito parlare per la prima volta di ipertimesia leggendo il racconto di John Robert Lennon The Rememberer; anni dopo ne ho poi sentito di nuovo parlare nella serie TV Unforgettable, a esso ispirato.
È una rarissima condizione neurologica per cui il soggetto che ne è affetto possiede una memoria autobiografica superiore, il che significa che da un certo punto della sua vita (in genere la prima o la seconda adolescenza) è in grado di ricordare dettagliatamente ogni momento della propria vita, di cui possiede anche un calcolo calendariale (ovvero riesce a ricordarsi il giorno, nei casi più estremi anche l’ora, a cui è avvenuto l’episodio memorizzato).

domenica 20 marzo 2016

Arcano XVI, La Torre

“La Torre è la Torre di Babele, simbolo della superbia e della presunzione, punite sempre con grande severità; rappresenta anche un cambiamento improvviso, una distruzione imprevista dello stile di vita a cui si era abituati.”
Nel mio libro, il racconto associato a questa carta è La Visita dei Genitori, che ha per protagonista una bellissima attrice e modella, tanto bella quanto arrogante e antipatica...

martedì 15 marzo 2016

Ghiaccio IX

Ghiaccio-Nove è un romanzo di Kurt Vonnegut del 1963. Ma intanto che cos’è questo ghiaccio IX? Come avviene per la maggior parte delle sostanze, quando l'acqua solidifica, a seconda delle condizioni di temperatura e pressione, essa può organizzare la propria struttura cristallina secondo differenti geometrie, ovvero disporre gli elementi che costituiscono la struttura cristallina in modi spaziali diversi; il fenomeno è detto polimorfismo. L’acqua che a pressione atmosferica raggiunge la temperatura di 0 °C solidifica in una forma chiamata ghiaccio I, che consiste in una serie di anelli esagonali: si tratta del ghiaccio con cui abbiamo a che fare quotidianamente. Invece, in diverse condizioni di temperatura e pressione, l’acqua solidifica in altre forme, che si differenziano per la loro organizzazione strutturale.

domenica 13 marzo 2016

Arcano XV, Il Diavolo

“Il Diavolo rappresenta le debolezze e le brutture presenti nell’animo umano, tutte le bassezze a cui l’uomo può giungere nel suo smodato bisogno di eccessi, che lo rendono schiavo con catene difficili, se non impossibili, da spezzare.”
Nel mio libro, il racconto associato a questa carta è Il Mattino Ha l’Oro in Bocca, dove il protagonista vende la propria anima al Diavolo in cambio dello stesso potere del Re Mida...

sabato 12 marzo 2016

Ars Longa, Vita Brevis

L'11 marzo cade l'anniversario della mia laurea, motivo per cui certe notizie non sono facili da ricevere. Bisogna dire che il 2016 non sembra proprio un anno fortunato per i musicisti, per quelli mitici, intendo. Un duro colpo aver saputo della scomparsa di Keith Emerson, uno dei migliori tastieristi di sempre, malato da molti anni di un'artrosi che gli impediva di suonare ai livelli di un tempo. Personalmente ero molto legato a uno dei suoi pezzi più famosi, Take a Pebble, la cui intro Emerson suonava pizzicando direttamente le corde del pianoforte a coda, il che dava a quel pezzo una sonorità molto particolare. Una di quelle trovate geniali che solo chi possiede una certa scintilla può avere.
Non entro nel merito della situazione circa la sua scomparsa. Piuttosto, in suo ricordo, ho deciso di ripubblicare un mio vecchio articolo uscito in precedenza sul blog Illustraidee, dove un paio di anni fa tenevo una rubrica di aneddoti musicali.

mercoledì 9 marzo 2016

Ore d'Orrore II - La Morte Personificata (parte 3)

Ben ritrovati, cari fenomeni da baraccone. Il vostro dottore è come sempre molto lieto di vedervi nel suo laboratorio. Anche se vi preferirebbe stesi sul lettino con qualche elettrodo in testa...
Oggi, in quest’ultima parte dell’articolo dedicato alla Morte, ci occuperemo di qualcosa che sta forse dopo di essa, perché parleremo di chi brevemente è riuscito a oltrepassare il confine ed è potuto tornare indietro per raccontare la sua esperienza...

domenica 6 marzo 2016

Arcano XIV, La Temperanza

“La Temperanza rappresenta la moderazione, indica che a volte il giusto approccio a un problema non è la forza, ma piuttosto la calma e la serenità. È una carta positiva: dopo le tenebre dell’Arcano Senza Nome, ha finalmente inizio un processo di rigenerazione e innovazione.”
Nel mio libro, il racconto associato a questa carta è Il Riscatto, dove il protagonista, vessato da una ricca e insopportabile moglie, si trova costretto a trattare con un rapitore il suo rilascio...

giovedì 3 marzo 2016

Ore d’Orrore II – La Morte Personificata (parte 2)

Bentornati, cari condannati. Il vostro dottore è davvero contento di vedervi ancora in buona salute e di constatare che siate riusciti a sopravvivere alla prima parte dell’articolo.
Come?! Oh no, scusatemi, non dicevo a voi... Si tratta di Vulnavia, la mia bella assistente: mentre veniva qui in metro, uno zombie le ha fatto la mano morta... 
Ma torniamo appunto al nostro discorso sulla morte, che oggi esamineremo da un punto di vista scientifico...