martedì 16 gennaio 2018

1999-2000

Era l’ottobre del 1999, ero in seconda liceo ed era il tempo migliore e peggiore della mia vita. Un pomeriggio ero assieme ai miei amici in oratorio: eravamo lì per pulire e metterlo un po’ in ordine, perché a breve avremmo cominciato al sabato a fare gli animatori ai bambini. Mentre lavoravamo, ci teneva compagnia la radio che aveva portato con sé una delle ragazze. A un certo punto sentimmo un potente attacco di chitarra seguito dalle parole: “You better believe I'm coming, you better believe what I say, you better hold on to your promises.” Le ragazze se n’erano andate via un momento; quando furono tornate, quello che all’epoca era il mio migliore amico disse loro: “Ah, vi siete perse delle canzoni spettacolari! Hanno dato My Favourite Games e Promises!” Nel 1999, quando ancora non c'era Youtube, se volevi sentire una canzone che ti piaceva dovevi aspettare pazientemente che la passassero per radio o su MTV oppure avere il CD o la cassetta.

Era il dicembre del 1999, il millennio stava quasi per giungere al termine, e nel ponte dell'8 dicembre ero andato coi miei amici a Oulx. C'eravamo già stati quell'estate per un'intera settimana, e ora vi facevamo ritorno per passarvi il weekend. La sera gli animatori del nostro gruppo ci divisero in due squadre e facemmo dei giochi: in uno di questi ci facevano sentire l’intro di una canzone e noi dovevamo capire di quale si trattasse. La prima partiva con un riff di tastiere e poi con le parole: “I hope that you miss me, put me down on history, I feel such a reject now, get yourself a life”. La conoscevo, ma non mi veniva proprio in mente il titolo, e lo stesso i miei compagni di squadra. Quando alla fine ci diedero la soluzione, mi diedi una manata sulla fronte. Era Loud and Clear, miseria, avevo pure l'album su cassetta!

Era il marzo del 2000, ed era quello l'anno di cui avrei sempre conservato i ricordi più nostalgici. Su MTV era da poco cominciato a passare il video di You and Me. C’era il ritornello che faceva: “You and me, it will always be, you and me forever be”. Un sabato pomeriggio ero in oratorio, era una giornata ventosa, ed ero uscito un momento per andare a parlare con una ragazza del mio gruppo. Poi al ritorno mi ero fermato un momento all'ingresso a osservare in lontananza, mentre le luci del pomeriggio cominciavano ad abbassarsi, e nel frattempo la mia mente era tornata a quella canzone. Da allora quando mi capita di risentirla, mi viene sempre in mente quella giornata e quel particolare momento, cristallizzato in eterno.

Il disco Bury the Hatchet è stato la colonna sonora del mio secondo anno di liceo. L'adolescenza sa essere spaventosa, ma ci sono cose di quel periodo andate perdute per sempre e che sempre mi mancheranno, perché non potrò mai più riaverle, nè risentirle in alcun modo. A differenza di quel disco, che potrò sempre riascoltare per sentire ancora la tua voce.
Ciao, Dolores, e grazie: è stata una bellissima colonna sonora.

14 commenti:

  1. Come ci sono rimasto male :-(
    Ho letto poi che da alcuni anni aveva qualche problema sia di salute fisica che mentale, però sembrava aver recuperato...
    Che tristezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è vero, l'ho letto anch'io. :'(

      Elimina
  2. Una delle icone degli anni '90, davvero un peccato sia finita così :(

    RispondiElimina
  3. Bellissimo post.
    Anche io ho dei momenti specifici legati alle sue canzoni più note. Dreams, la mia preferita; Promises, quella a cui sono più affezionato (sì, epoca mitica, per noi, il 1999... una croce e delizia).
    Zombie. Poi anche Puro Amore con Zucchero.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me, oltre alle citate, piaceva particolarmente Just My Imagination, una canzone davvero spensierata.

      Elimina
    2. Un po' più "recente", diciamo... ma figa, sì :)

      Moz-

      Elimina
    3. Rispetto a quelle da te citate, sì. Mi ricordo che era uscito il singolo quando stavo per iniziare la seconda liceo.

      Elimina
  4. L'unico post su Dolores che commento.
    Perché anche per me hanno rappresentato la colonna sonora della mia adolescenza e perché ricordo ogni momento passato ad ascoltare Bury The Hatchet con corollario di pensieri annessi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora credo che ci intendiamo bene e tu capisca cosa sento. E' sparito un pezzetto del nostro passato. Un frammento bello e malinconico.

      Elimina
  5. Tutto mi sarei aspettato meno che la O'Riordan morisse così.
    E sopratutto così giovane. :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E ancora non si sa nemmeno quale sia stata la causa...

      Elimina
  6. Ero anche io al secondo superiore, quello per me fu un anno straordinario... Quanti ricordi! (Miss Artemisia - blog In my dreams)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ho visto che siamo entrambi del 1984!
      Che dirti? E' stata una vera perdita. :(

      Elimina