sabato 17 luglio 2021

Dieci Anni come Insegnante

In questo periodo festeggio i dieci anni di lavoro come insegnante. Era il luglio del 2011 quando ho iniziato a insegnare Chimica per un centro di formazione (per cui lavoro tutt'ora); nel 2015 ho poi cominciato a occuparmi anche di formazione professionale. Dieci anni di esperienze di vita, di situazioni memorabili, in un incredibile flusso di persone tra studenti, colleghi e personale didattico, le cui vite incroci nelle ore passate assieme, dove la lezione diviene anche occasione perché raccontino di loro, del loro vissuto e di cosa sperano per il domani. A volte ci si trova in situazioni bizzarre, e non si può fare a meno di pensare a che sorprendente mestiere sia. In questo ultimo post prima della pausa estiva ho voluto ripercorrere questi dieci anni, attraverso la narrazione dei momenti più emblematici. Vi saluto, dandovi appuntamento a settembre.

martedì 13 luglio 2021

Chimica for Lovers #8: Ore d'Orrore

Nuovo appuntamento con Chimica for Lovers, la rubrica dedicata alle domande più interessanti che nel corso degli anni mi sono state fatte dagli studenti. Questo episodio, per quanto breve, sarà però abbastanza particolare, perché è un crossover tra ben quattro rubriche di questo blog: oltre a una piccola citazione da La Chimica dei Supereroi, questo post è stato redatto nella modalità tipica di Chimica for Dummies, ovvero quella del dialogo con gli studenti (e tra l'altro lo studente protagonista è lo stesso dell'episodio delle banane che ho raccontato in precedenza), ma soprattutto incrocia una storica rubrica del blog, ovvero Ore d'Orrore. Infatti la serie di domande di questo post riguardano le spiegazioni scientifiche che si nascondono dietro alcune classiche figure archetipiche dei racconti dell'orrore. In questa occasione sarò proprio io a guidarvi, e non il mio alter-ego, l'abominevole Dottor χ, impegnato come sempre in laboratorio a compiere raccapriccianti esperimenti assieme alla sua bella assistente Vulnavia. E ora, largo alla Chimica...

venerdì 9 luglio 2021

Personaggi dei Fumetti Ispirati a Personaggi Letterari

Anche se forse non lo si immagina, ci sono alcuni celebri personaggi dei fumetti che devono la loro origine a dei personaggi letterari, ma il collegamento dall'uno all'altro è alquanto difficile da individuare... Vediamo di quali si tratta.

Batman
Rimasto orfano dopo una rapina finita male, Bruce Wayne giura vendetta al crimine; dopo anni di allenamento e studi scientifici, usando la ricchezza ereditata dalla sua famiglia, diviene il supereroe Batman. 
Il personaggio trae ispirazione dal romanzo Il Conte di Montecristo di Alexandre Dumas, il cui protagonista, dopo aver scoperto un tesoro ed essersi creato una falsa identità, si vendica dell'uomo che l'aveva fatto incarcerare ingiustamente, strappandolo alla sua famiglia; e poi da Zorro, personaggio creato da Johnston McCulley, un ricco proprietario terriero che diventa un giustiziere mascherato.


Joker
Joker è il grande nemico di Batman: è un folle criminale rimasto sfigurato dopo un incidente in un'industria chimica, che gli ha fatto diventare i capelli verdi, la pelle bianca e la bocca distorta in un eterno ghigno.
L'aspetto del personaggio è in parte ispirato a quello di Gwynplaine, protagonista del romanzo di Victor Hugo L'Uomo che Ride (in particolare alla trasposizione cinematografica del 1928), che racconta di un uomo con una deformazione del volto contratto in un eterno sorriso.


Diabolik
Diabolik è uno spietato criminale, che elabora piani ingegnosi per commettere furti e omicidi, riuscendo ogni volta a sfuggire all'ispettore Ginko, che vorrebbe metterlo dietro le sbarre. 
Questo personaggio è ispirato ai protagonisti di diversi feuilletton: il ladro gentiluomo Arsenio Lupin di Maurice Leblanc, l'antieroe Rocambole di Pierre du Terrail, e soprattutto Fantomas, personaggio creato da Marcel Allain & Pierre Souvestre, un criminale, ladro e assassino, che riesce sempre a sfuggire all'ispettore Juve.


Hulk
A causa di un'accidentale esposizione ai raggi gamma, ogni volta che il fisico Bruce Banner si arrabbia, si trasforma in un gigante verde dalla forza incredibile, per poi tornare alle sembianze iniziali. 
Il personaggio è ispirato al romanzo Lo Strano Caso del Dottor Jekyll e del Signor Hyde di Robert Stevenson, in cui uno scienziato scopre una pozione in grado di trasformarlo in un essere abietto, fino quando ne cessano gli effetti. Fisicamente è invece ispirato al supercriminale Solomon Grundy della DC Comics.


Devil
Matt Murdock perde la vista per un incidente con delle sostanze radioattive, ma tutti gli altri suoi sensi vengono potenziati: decide di usare queste capacità per divenire il supereroe Devil. 
Il personaggio è ispirato al detective Duncan Maclain creato da Baynard Kendrick: rimasto cieco durante la guerra, decide di dimostrare che anche privo della vista un uomo intelligente, con gli altri sensi, può rendersi utile. Nella DC c'era anche un personaggio simile: il Dottor Midnite.


Dylan Dog
Dylan Dog è un investigatore che si occupa di casi del paranormale assieme al suo assistente Groucho. 
Parte delle sue caratteristiche si ritrovano in un altro personaggio della Bonelli, ovvero Martin Mystere; è ispirato poi ai detective dell'occulto come John Silence, creato da Algernon Blackwood, Jules de Grandin di Seabury Quinn, John Thunstone di Manly Wade Wellman.


lunedì 5 luglio 2021

Chimica for Dummies: Oltre i Limiti dell'Ignoranza

Non ci siamo ancora ripresi dall'ultimo episodio di Chimica for Dummies, che ecco un ulteriore appuntamento con la rubrica più imbecille di questo blog! In questo sconvolgente episodio vedremo degli esempi di ignoranza allo stato brado, quella che ti dà proprio soddisfazione. In un abominevole delirio di tamarreide, stavolta niente chimica, però in compenso tanta, ma tanta ignoranza...

giovedì 1 luglio 2021

Chimica for Dummies: Ai Confini dell'Ignoranza

Nuovo episodio della rubrica più assurda, demenziale e soprattutto ignorante di questo blog, ovvero Chimica for Dummies! Come ormai sapete, in genere questo appuntamento è dedicato alle cose più sceme dette e fatte dai miei studenti, ma non solo da loro: infatti stavolta assisteremo ai contributi di colleghi e personale didattico, e faremo anche un tuffo nel passato fino ai tempi dell'università...