martedì 25 febbraio 2020

Ore d'Orrore: lo Charivari

Ben ritrovati, miei cari spiritelli dispettosi. Il vostro Dottor χ è ancora una volta qui ad accogliervi nel suo lugubre laboratorio. Ebbene sì, non so resistere alle festività. La mia preferita è ovviamente Halloween, ma anche il Carnevale non scherza... Come? Dite che non c'è niente di pauroso nel Carnevale? Beh, forse dovreste chiedervi chi vi guida in questo rito di sfrenato divertimento, perché dietro la maschera ci potrebbe essere...

mercoledì 19 febbraio 2020

Viaggio Multimodale: Le Variazioni sul Tema

Come sapete, ho riproposto i miei Viaggi Multimodali in diverse forme, pur mantenendone quasi sempre inalterata la struttura di base, applicandola a diversi temi. E questo mi ha dato l'idea per scrivere un post che parlasse proprio di variazioni sul tema. Si tratta di una locuzione presa in prestito dalla musica: è la riproposizione di un'idea musicale in diverse forme, nelle quali presenta delle modifiche più o meno accentuate rispetto a quella originale, una rielaborazione dell'idea originale così da essere espressa in un modo nuovo. In questo post vedremo quindi nelle varie modalità del viaggio come l'idea alla base di un'opera possa venire riproposta più volte in maniera diversa.

Arte 
La serie delle Ninfee è un ciclo di circa 250 dipinti realizzati dal pittore impressionista Claude Monet tra il 1897 e il 1926. I soggetti di queste tele sono sempre gli stessi: le ninfee del laghetto artificiale vicino alla casa di Monet a Giverny, sulla Senna. Nei primi quadri lo stagno è attraversato da un ponticello di legno in stile giapponese e le ninfee galleggiano sulla superficie dell’acqua, dove si riflettono salici, pioppi e glicini. A ogni successivo quadro lo stesso soggetto viene rappresentato da angolazioni diverse, in varie ore del giorno e in differenti stagioni, quindi con una luce sempre differente. L'intento di questa variazione sul tema è dare ogni volta una nuova impressione visiva, nonostante il soggetto resti sempre lo stesso.

domenica 16 febbraio 2020

DC Comics vs. Marvel

Dopo la serie La Chimica dei Supereroi, si torna a parlare ancora di supereroi. Stavolta ci sarà uno scontro epico: vedremo infatti confrontati dei personaggi della DC Comics (alcuni dei quali forse poco conosciuti) coi loro corrispettivi della Marvel. Sta a voi trovare le analogie e dire quale dei due vi piace di più.

DC Comics
Marvel
Superman (1933)
Clark Kent/Kal-El è un alieno giunto sulla Terra dal pianeta Kypton. Grazie alla minore forza gravitazionale terrestre e alla radiazione solare, è dotato di superforza, supervelocità e può volare; inoltre ha la vista a raggi X e può emettere raggi laser dagli occhi.
Capitan Marvel (1967)
Mar-Vell è un alieno kree. Grazie alla minore forza gravitazionale terrestre è dotato di superforza; diventa poi in grado di utilizzare l'energia solare per volare ed emettere raggi di energia.
(Nota: il nome originale di Shazam della DC era Capitan Marvel)

                                                                                                                                                                               
Dottor Fate (1940)
Richard Occult è un mago che lavora come detective del soprannaturale col nome di Dottor Occult (1935). Un personaggio simile è Dottor Fate, un medico con poteri occulti che protegge la Terra da minacce soprannaturali.
Dottor Strange (1964)
Stephen Strange è un neurochirurgo la cui carriera è stata distrutta da un incidente automobilistico. Dopo un viaggio in Oriente, diventa un maestro delle arti occulte che protegge la Terra da minacce soprannaturali.


Flash (1940)
Un incidente di laboratorio rende i chimici Jay Garrick (Flash I) e Barry Allen (Flash II) dotati di supervelocità. Personaggi con poteri simili sono Johnny Quick (1964) e sua figlia Jesse.
Quicksilver (1964)
Pietro Maximof è un mutante dotato di supervelocità; dopo un esordio come criminale, entra negli Avengers. Un personaggio con poteri simili è Whizzer (1941).

Catwoman (1940)
Selina Kyle è un'agile ladra che indossa un costume da gatta. Agli inizi è un'antagonista di Batman, ma a volte si rivela un'eroina, tanto da avere anche una relazione con lui.
Gatta Nera (1979)
Felicia Hardy è un'agile ladra che agisce nascosta dietro l'identità della Gatta Nera. Si scontra alcune volte con l'Uomo Ragno, ravvedendosi e avendo anche una relazione con lui.


Hawkman (1940)
Ci sono state diverse incarnazioni di questo personaggio, ma tutte avevano la capacità di volare grazie ad ali fatte di uno speciale metallo. Alcune di esse potevano comunicare telepaticamente con gli uccelli.
Falcon (1969)
A causa di una manipolazione genetica Sam Wilson acquisisce la capacità di comunicare telepaticamente con gli uccelli. Gli viene poi dato un costume con ali artificiali che gli permettono di volare.


Plastic Man (1941)
Venuto a contatto con una misteriosa sostanza chimica, il corpo dell'ex-ladro Patrick O'Brien diventa simile alla gomma. Un personaggio con poteri simili è Elongated Man (1960), ovvero il chimico Ralph Dibny.
Mr. Fantastic (1961)
Investito dai raggi cosmici, il corpo del fisico Reed Richards diviene simile alla gomma; assieme ai compagni che hanno acquisito dei superpoteri forma i Fantastici 4. Un personaggio con poteri simili è Ms. Marvel II (2013).


Aquaman (1941)
Arthur Curry è figlio di un umano e una donna di Atlantide. Può respirare sott'acqua, nuotare a gran velocità, ha una pelle resistente, la superforza e può comunicare telepaticamente con gli organismi marini. Se rimane a lungo lontano dall'acqua, rischia di disidratarsi fino a morire.
Namor il Sub-Mariner (1939)
Namor è il figlio di un umano e una principessa di Atlantide. Può respirare sott'acqua, sa volare, nuotare a gran velocità, ha una pelle resistente, la superforza, può comunicare con le creature marine e controllarle. Se rimane a lungo lontano dall'acqua, rischia di disidratarsi fino a morire.


Freccia Verde (1941)
Il milionario Oliver Queen naufraga in un'isola deserta e per sopravvivere diventa un abilissimo arciere. Una volta tornato alla civiltà, diviene un giustiziere mascherato.
Occhio di Falco (1964)
Clint Barton è un arciere mascherato dotato di un arsenale di frecce dai molteplici utilizzi. Dopo un primo esordio come criminale, entra a far parte degli Avengers.


Tarantola (1941)
John Law è un acrobata e prestigiatore che usa degli ingegnosi trucchi per combattere il crimine: ventose sugli stivali per camminare sui muri e appendersi al soffitto, e una pistola spara-ragnatele di nylon a rapido indurimento per catturare i criminali.
Uomo Ragno (1962)
Morso da un ragno radioattivo, Peter Parker acquisisce superforza, agilità, l'abilità di aderire alle pareti e un senso che lo avverte dei pericoli. Crea un dispositivo che estrude ragnatele sintetiche, e diviene l'Uomo Ragno. Tra le altre cose è un biochimico.


Supergirl (1958)
Kara Zor-El è la cugina di Superman, ultima sopravvissuta alla distruzione di Krypton, perciò sulla Terra possiede gli stessi poteri di Superman.
Ms. Marvel (1977)
A seguito di un incidente il DNA di Carol Danvers si fonde con quello di Capitan Marvel, ottenendo i suoi stessi poteri.


Atomo (1961)
Usando le radiazioni di un meteorite proveniente da una nana bianca, il fisico Ray Palmer inventa un congegno, nascosto nel suo costume, che gli consente di rimpicciolirsi fino a dimensioni subatomiche.
Ant-Man (1962)
Il biochimico Henry Pym scopre delle particelle che gli consentono di rimpicciolirsi alle dimensioni di una formica o diventare un gigante. Grazie a un casco cibernetico può comunicare telepaticamente con le formiche.


Swamp Thing (giugno 1971)
In un laboratorio vicino a una palude Alec Holland sta lavorando a una formula per la crescita vegetale; dopo un'esplosione muore e la sua memoria si trasferisce alla palude, generando un mostruoso uomo-vegetale. Dotato di forza sovrumana, può rigenerare qualunque parte del suo corpo e controllare la vegetazione.
Man-Thing (maggio 1971)
Teddy Sallis è un biochimico che lavora a un siero per il potenziamento fisico. Per evitare che finisca in mano a un'organizzazione criminale, fugge e annega in una palude assieme a esso, divenendo un essere semivegetale. Ha forza sovrumana, è invulnerabile e può rigenerare le parti del proprio corpo.


lunedì 10 febbraio 2020

Gli Incipit

"Ogni uomo ha una storia, e la storia è fatta di uomini. Ci sono uomini che fanno la storia e altri ancora che è la storia a fare uomini. Ma che cos'è poi un uomo? Un insieme di carne e ossa? Di cuore e spirito? O forse è qualcosa di più? È un viaggiatore, un'anima pellegrina, intento a cercare il suo posto nel mondo. Che percorre strade, attraversa fiumi, oltrepassa valichi montani e si spinge fino ai deserti sabbiosi. Che cerca, in questo suo cammino, di trovare la propria storia. Ma forse, alle volte, è la storia a trovare lui."

Questo è l'incipit del mio romanzo Turn Back Time (che potete trovare cliccando qui). Ogni autore sa bene che l'attacco della storia è fondamentale, specie se si tratta di un romanzo: ci sono infatti degli incipit molto famosi, che hanno fatto storia. In questo post, complice la lettura del libro In Principio... 2001 modi per iniziare un romanzo di Giacomo Papi & Federica Presutto, ho pensato di riportarvi alcuni degli incipit che mi sono particolarmente piaciuti.