domenica 16 dicembre 2018

Aneddoti Musicali dalla A alla Z (parte IV)

Quarta e ultima parte dell'articolo alfabetico dedicato a una serie di aneddoti e curiosità riguardo il mondo del rock.

S come Sostituto. Nel 1972 David Coverdale lesse su Melody Maker che i Deep Purple stavano cercando un nuovo cantante. Così registrò come provino un nastro con una sua esibizione; la registrazione era approssimativa ed era sbronzo, tanto che il giorno dopo avrebbe ritenuto che la sua voce sembrasse una vera schifezza. Tagliate le parti peggiori, lo inviò lo stesso. Nonostante le infelici premesse, la band restò colpita dalla sua voce, perfetta per il nuovo sound che volevano. Così Coverdale divenne il nuovo cantante dei Deep Purple. Ma forse era destino: tre anni prima i Purple avevano suonato a Bradfield e il cantante della band di supporto aveva fatto loro una buona impressione per la sua notevole voce: era proprio David Coverdale.

T come Take-away. A un certo punto della loro carriera i membri degli Yes si erano avvicinati alle filosofie orientali, erano diventati vegetariani e si erano appassionati di dieta macrobiotica. Tutti tranne il tastierista Rick Wakeman, che cominciò a prodursi in una serie di esilaranti provocazioni alla faccia degli altri componenti della band: durante i concerti mangiava cibo take-away e si faceva passare di nascosto alcolici dai tecnici. Una volta durante un'esibizione gli altri membri degli Yes cominciarono ad avvertire uno strano odore, e si accorsero con irritazione che sulle tastiere di Wakeman c’erano diversi contenitori di cibo indiano che mandavano un aroma di curry decisamente molesto.

U come Usura. La sessione di registrazione di Tubular Bells fu qualcosa di monumentale: in una settimana Mike Oldfield realizzò la prima metà della suite, contenuta sulla prima facciata del disco, con una quindicina di strumenti diversi suonati tutti da lui. Furono effettuate più di duemila sovraincisioni, tanto che fu poi un'impresa ricordarsi il ruolo delle varie tracce man mano che venivano registrate. Alla fine il nastro era talmente usurato che rischiava di rompersi.

V come Voce. I Deep Purple sono nel Guinness dei Primati come "la band più rumorosa del mondo". Ma neanche il cantante Ian Gillan scherzava: si racconta che durante un'esecuzione di Child in Time in Giappone la sua voce, al momento dell’acuto più alto, abbia generato un livello sonoro paragonabile a quello di un aereo in partenza (130 decibel). Nonostante la performance di Gillan sia uno dei punti più alti della musica rock, il brano è stato plagiato dalla canzone Bombay Calling della band It’s A Beautiful Day, che per rifarsi prese poi Wring That Neck come ispirazione per il brano Don and Dewey.


W come Woodstock. I Tommy James & The Shondells rifiutarono l’invito al Festival di Woodstock per sbaglio. Il loro cantante raccontò: "Avremmo voluto prenderci a schiaffi da soli. Eravamo alle Hawaii, e la mia segretaria mi chiamò e disse: «Sì, ascolta, c'è questo allevatore di maiali nel nord dello stato di New York che vuole che suoniate in un suo campo». Così è come mi fu presentata la faccenda. Perciò declinammo, e capimmo cosa ci eravamo persi un paio di giorni dopo".

X come XXXII. Chicago XXXII – Stone of Sisiphus è un disco degli Chicago, definito come il loro album "perduto": fu registrato nel 1993, ma venne inaspettatamente respinto dalla casa discografica e non fu pubblicato. In seguito alcuni brani sono usciti in diversi modi, facendo acquisire al disco un certo alone di leggenda. L'album è stato infine pubblicato nel 2008 con un'altra etichetta.

Y come Yardbirds. All’ennesimo abbandono degli Yardbirds da parte di due dei suoi membri, Keith Moon degli Who, che li aveva in antipatia, commentò che si sarebbero schiantati come un dirigibile di piombo (in inglese: "like a lead zeppelin"). Infatti dalle ceneri del gruppo nasceranno per l'appunto i Led Zeppelin.

Z come Zappa. Una volta un giornalista chiese a Frank Zappa chi fosse il suo cantante preferito e lui rispose che erano i Bee Gees. Il giornalista scoppiò a ridere, credendo che scherzasse. Zappa per tutta risposta gli mollò un pugno: stava dicendo sul serio, era un loro fan!

17 commenti:

  1. Conoscevo solo l'aneddoto dei Led Zeppelin.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti tra queste mi sembra la storia più nota.

      Elimina
  2. Frank Zappa fece proprio bene, ridere dei gusti altrui non è cortese..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto! Anche perché i membri dei Bee Gees sono dei cantanti pazzeschi! 🎵

      Elimina
  3. Ahah grande Frank Zappa :) Tutti questi aneddoti li ignoravo, veramente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'idea era proprio questa, di non raccontare le solite storie stranote...

      Elimina
  4. Sembra quasi di rileggere "ciao 2001" con queste curiosità. Un bel passo indietro nel tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici che gli ho dato un taglio volutamente retrò?

      Elimina
    2. Insomma... le voci sono tutte "mitiche" o quasi

      Elimina
  5. Bellissimi aneddoti che mi erano sconosciuti, nonostante riguardino in massima parte gruppi che seguivo negli anni '70. "Child in Time" è uno dei brani che ho ascoltato di più in assoluto in quel periodo. Ma anche del grande Zappa era difficile che mi perdessi qualcosa, sebbene non fosse per niente facile star dietro ai suoi ritmi di pubblicazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Zappa tra dischi doppi e tripli, live e bootleg aveva una produzione impressionante.

      Elimina
  6. Ma se il tasterista degli Yes prendeva cibi con aroma di curry non avrebbe dovuto far piacere agli altri, visto che si trattava di cibo orientale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A quanto mi sembra di ricordare, gli altri degli Yes avevano abbracciato la dieta macrobiotica (che quindi ha poco a che vedere col cibo orientale) e soprattutto erano diventati vegetariani (quindi il pollo al curry doveva riuscire particolarmente molesto).

      Scusa se rispondo ora: non ricevo tutte le notifiche (porca miseria!) e questi commenti li ho visti solo ora.

      Elimina
    2. Beh ma sai che nella cucina indiana si mette il curry un po' dappertutto. Avevo pensato che potesse essere un riso al curry. :) comunque macrobiotico di sicuro non è.
      Credo che da quando c'è stata l'introduzione di quei regolamenti privacy, blogger notifichi stranamente, oppure non notifichi per niente.

      Elimina
    3. Vedila così: mentre stai suonando pezzi strapretenziosi e noiosi (a detta dello stesso Wakeman!) immergendoti in un flusso di coscienza per sintonizzarti con l'universo... e poi senti odore di cibi al curry... 😁
      Una rottura 'sta cosa dei commenti non notificati...

      Elimina
    4. Mi sembra che c'era una procedura per ripristinarli, mi sembra che l'aveva spiegata Mikimoz.

      Elimina
    5. Sì, infatti l'avevo scoperta anche da solo e aveva funzionato, ma dopo la chiusura estiva non c'è più stato verso... Qualche notifica mi arriva, il grosso no, per quanto provi e riprovi...

      Elimina